Un seminario interdisciplinare a cura di Vacca Augusto Granmaffero

 

Biografia

 

Vacca Augusto Grammaffero nasce a Palomandiano nel 1923. Si iscrive (per esserne in poco tempo espulso con disparate motivazioni) alle università di Kiel, Amburgo, Giessen e Bochum, finché approda alla facoltà di filosofia a Muenster. Lì sostiene l'esame di metaforologia con il Prof. Hans Blumemberg e presenta in anteprima mondiale il Seminario sui Sistemi Politici Comparati nella versione qui pubblicata. Si guadagna così una ulteriore espulsione dall'ateneo, questa volta con menzione "...di non più ripresentarsi". Terminata la brillante carriera studentesca pluriaccademica, si arruola nella Marina Militare Russa e viene assegnato all'unità sommergibile "Курск".

 

Prefazione a cura dell'Autore

 

"Leggere" la società è interpretare, in quanto dotate di senso, combinazioni e sequenze virtualmente infinite in un numero limitato di fatti, eventi ritenuti significativi, fenomeni, corsi e ricorsi. Non s'offenda il Lettore se l'io narrante si permette di rivolgergli la parola dandogli del tu: il Lettore è l'assoluto protagonista di questo studio e viene condotto per mano in una vorticosa avventura tra molti dei più significativi sistemi politici del passato, presenti e financo ipotizzati per un prossimo futuro. Viene così in prima persona sottoposto alle dirette conseguenze che suddetti sistemi producono sulla vita quotidiana e, per meglio evidenziare e decifrare sia i meccanismi che le varie dinamiche sociali, all'ingresso di ogni sistema politico riceverà in regalo dall'Autore la proprietà di due vacche. Si crea così una specie di metafora che legge la storia al di là delle apparenze ma ancora al di qua di una spiegazione totale; in realtà l'Autore non è riuscito a dissimulare una certa delusione per la fine dell'utopia di un dominio globale della realtà ma si sta profilando improvvisa, nella Sua modestamente fertile mente, l'idea di un possibile riscatto: isolarsi dalla realtà e scorazzare libero, sedotto da mille diverse utopie  e pericolosamente armato, negli abissi marini.

Vacca Augusto Granmaffero

 


AVANTI